05.04.2017
pubblicazione

Il Museo dell'Emigrante festeggia 20 anni di attività con un libro

Dipartimento di Studi Storici

Sabato la presentazione a Palazzo Begni, poi un brindisi nella sede in cui sono conservati documenti e testimonianze

Le immagini custodite nell’archivio del Centro di Ricerca sull’Emigrazione dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino diventano un libro con cui verranno celebrati i 20 anni del Museo dell’Emigrante. Alle ore 18 di sabato 8 aprile, nella cornice dei lavori della Consulta dei cittadini residenti all’estero, a Palazzo Begni verrà infatti presentato il volume “Oltre confine — immagini fotografiche dell’emigrazione sammarinese”, una raccolta divisa in sette sezioni in cui l’esperienza migratoria viene raccontata attraverso una selezione di circa 200 istantanee che descrivono ambiti come il viaggio, il lavoro, il benessere raggiunto, la vita familiare e quella comunitaria.

Il libro diventa così un nuovo traguardo e un veicolo per celebrare i due decenni di attività del museo, inaugurato nel 1997 e realizzato con la collaborazione delle comunità dei cittadini sammarinesi all’estero. Edito da Quodlibet, è stato curato dal direttore del Centro di Ricerca sull’Emigrazione, Patrizia Di Luca, e dal ricercatore Luca Gorgolini.

“Il volume vuole costituire un racconto per immagini dell’emigrazione sammarinese, quasi un album collettivo in cui la comunità possa riconoscersi”, spiega Di Luca. “Abbiamo voluto ricostruire questa importante pagina di storia attraverso il volto degli uomini e delle donne che l’hanno direttamente vissuta”.

Alle ore 18:30, al termine della presentazione del libro, il Museo dell’Emigrante ospiterà un brindisi nella sua sede, dov’è attualmente custodito un archivio con circa 1.500 fotografie datate dal 1850 al 1990. Sono inoltre presenti 200 lettere, passaporti, fogli di via e altro materiale legato alle esperienze migratorie dei sammarinesi.

oltre il confine