Presentazione

Teatro e cittadinanza

Teatro e Cittadinanza


Il progetto "Teatro e cittadinanza" si fonda sulla convinzione che il teatro possa essere capace di svolgere e riannodare trame di discorsi che evocano l'affascinante tema della complessità. Con le sue potenzialità di creatività e innovazione, il teatro è in grado di trasformare e di rafforzare le competenze sociali e personali dei cittadini e di rispondere all'esigenza di formare una cittadinanza critica e consapevole. In questa possibilità di incontro con se stessi e con le diversità, di re-immaginazione, di trasformazione e di costruzione di nuove cittadinanze, il teatro offre uno sguardo diverso con cui vedere il mondo.

Il progetto si articola in diversi percorsi.

Il Festival Teatrale della Cittadinanza Democratica (VIII edizione) costituisce un momento di aggregazione culturale relativamente al tema dell’esercizio della cittadinanza attiva ed è costituito da spettacoli, imperniati ogni anno intorno ad un diverso tema, che, grazie all’alto livello culturale e al prestigio degli artisti intervenuti, ha riscosso un successo crescente di pubblico. Il tema che accompagnerà il programma del 2015 è quello del Lavoro: "CITTADIN* MA NON TROPPO". Itinerari infranti tra lavoro, dignità, futuro.

La Summer School (VIII edizione) si i rivolge a tutti coloro che sentono l’esigenza di approfondire le proprie conoscenze in ambito teatrale ed educativo e intendono trovare nuove forme di partecipazione attiva e coesione sociale (questo corso si svolge solo nelle giornate del Festival ed è aperto a tutti, cittadini, educatori, studenti universitari).

La Junior Summer School (IV edizione) è un progetto di sperimentazione, un format educativo che utilizza il linguaggio teatrale, rivolto ad adolescenti, in parte sammarinesi e in parte italiani, provenienti anche da realtà marginali e difficili, che hanno trovato nel linguaggio teatrale lo strumento per esprimere la loro soggettività, in una dimensione comunitaria. Grazie alla collaborazione con il Progetto “Punta Corsara” di Scampia, il progetto di Teatro Interculturale del Teatro dell’Argine di Bologna e la Città del Teatro di Cascina è stato possibile attivare la Junior Summer School dall’estate 2011. Un gruppo di più di 30 adolescenti, con età compresa tra i 14 e i 18 anni, provenienti da San Marino, Napoli, Bologna e dalla Toscana avranno la possibilità di partecipare a questo campus intensivo in cui si alterneranno incontri con famosi artisti a sessioni di laboratorio teatrale, condotte da alcuni dei maggiori esperti di teatro italiani.

Il Corso Universitario di Alta Formazione è pensato per dare strumenti cognitivi e metodologici a quanti operano o vogliono operare come educatori e/o operatori sociali, culturali e professionali in contesti educativi problematici che richiedono interventi sistemici: carceri, luoghi di accoglienza degli immigrati e dei rifugiati, persone con bisogni speciali, ma anche scuole e tutte le agenzie formative che vogliono accettare la sfida al cambiamento e al riconoscimento delle diverse cittadinanze. Si rivolge a tutti coloro che, nel confronto con il teatro, possono trovare nuovi stimoli per il proprio lavoro, un nuovo senso di partecipazione alla comunità, nuovi linguaggi per nuove progettualità educative.

La rassegna "DIVERSIÀMOCI. Itinerari creAttivi per le giovani generazioni", inserita nella stagione teatrale sammarinese e rivolta al pubblico della scuola, dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria.
L’obiettivo principale del progetto è quello di promuovere la partecipazione culturale come processo di educazione alla cittadinanza che unisce la scuola al territorio e alla sua comunità. Il percorso si articola nella visione di spettacoli teatrali, affiancata da attività laboratoriali e formative rivolte alle classi e al corpo docente delle scuole. Si costituisce come un itinerario formativo che leghi la pratica della visione a una riflessione guidata, che offra parametri di lettura e interpretazione dello spettacolo. Questa rassegna teatrale si svolge durante l’anno scolastico

Ideazione Laura Gobbi e Federica Zanetti

Direzione artistica Federica Zanetti