Corsi

Ateneo

PUBLIC SPEAKING

Docente Francesco Muzzarelli

Descrizione

Programma del Corso a.a. 2020-21

Conoscenze e abilità da conseguire
Alla fine del corso lo/a studente/ssa acquisirà la capacità di controllare consapevolmente le variabili critiche dell’esposizione orale in pubblico, sia linguistiche sia extralinguistiche, funzionali a produrre messaggi chiari, vivaci e concreti.
Particolare risalto sarà dato ai criteri di architettura del filo narrativo, al governo della dinamica vocale e alle modalità operative di gestione dell’attenzione dell’uditorio.

Programma/contenuti

  • Introduzione: come essere chiari e convincenti nel discorso orale in pubblico?
    Le abilità di public speaking: quando e perché sono importanti.
    Le leve cruciali: la competenza di contenuto, il filo narrativo, la vocalità dinamica, il governo emozionale, l’intenzionalità.
    Oratori a confronto.
    Dalla conoscenza teorica alla prassi consapevole e sistematica.

  • La fisiologia del messaggio
    I fattori della chiarezza espositiva: promuovere ascolto, comprensione e ricordo del messaggio.
    Spettacolarità versus noiosità del relatore: gli elementi linguistici ed extralinguistici implicati.
    La curva di attenzione dell’uditorio e la sua gestione in base alla durata del discorso.
    Il ciclo circadiano e il ciclo ultradiano: fasce orarie e tempi ottimali dell’intervento in pubblico.

  • La struttura del discorso
    La pre-analisi dell’uditorio.
    Il focus del tema, dell’obiettivo e del risultato atteso.
    La selezione dei punti focali e il loro collegamento.
    L’equilibrio dinamico fra sintesi e ridondanza.
    Qualità e quantità dei supporti visivi.
    La chiusura: il riepilogo dell’obiettivo e dei punti chiave.

  • La gestione della voce
    Il ruolo della respirazione.
    Le leve operative da allenare: volume, tono, ritmo, pause, timbro.
    La dinamica vocale e il suo controllo consapevole.

  • Il linguaggio corporeo
    Sguardo, mimica facciale, gestualità, postura, uso delle distanze e dei movimenti: cosa fare e cosa non fare per essere efficaci.

  • L’ansia da prestazione 
    L’origine dell’ansia sociale nella presentazione in pubblico.
    Esplorazione psicodrammatica dei vincoli personali all’espressione della performance.
    Il ruolo della preparazione.
    Il ruolo del metodo.
    Illustrazione di semplici metodi di riduzione dell’ansia da prestazione.

Testi/bibliografia
Testi obbligatori:

Berkun S. (2010), Parlare in pubblico, Tecniche Nuove

Sansavini A.; Sansavini C. (2015), Parlare in pubblico. Farsi capire, farsi ascoltare, persuadere il gruppo, Giunti

Testi opzionali (non obbligatori per l’esame) per gli studenti che desiderano approfondire:

Borgato R.; Grande N.; Vergnani P. (2016), Le mele d’oro. Giochi ed esercitazioni per prepararsi a parlare in pubblico, Franco Angeli
Bregantin D. (2015), Corso per parlare in pubblico, Giunti
Imparato C. (2013), Solo applausi, Sperling & Kupfer
Klaff O. (2017), Pitch anything. La presentazione perfetta, ROI Edizioni
Magnani S. (2010), Vivere di voce. L’arte della manutenzione della voce per chi parla, recita e canta, Franco Angeli
Townsend J. (2013), Presentazioni. Pocketbook, Giunti O. S.
Trupia F. (2010), Discorsi potenti. Tecniche di persuasione per lasciare il segno, Franco Angeli
Vanin L. (2015), Public speaking online. Parla al tuo pubblico nel web, Dario Flaccovio Editore

Metodi didattici
La strategia didattica prevede momenti di natura teorico-metodologica combinati con simulazioni comportamentali svolte in piccoli gruppi e in plenaria.

Durante il corso lo studente sarà coinvolto in attività esperienziali di complessità crescente (dalla lettura espressiva di brani scelti alle prove di improvvisazione) e progetterà/metterà in scena uno specifico discorso a tema, così da allenare e verificare la propria incisività nella relazione con il pubblico. Grazie all’applicazione della regia psicodrammatica, inoltre, ogni studente prenderà contatto con le proprie risorse emozionali e identificherà i modi funzionali per contenere l’ansia da prestazione.

Saranno presentati e commentati numerosi video, per promuovere l’attitudine all’analisi della qualità dell’eloquio e i processi di apprendimento mimetico.

Modalità di verifica dell’apprendimento
La verifica dell’apprendimento è di due tipi e si svolge come di seguito precisato:

Prova orale in itinere (dal 3° incontro compreso in avanti):

  • speech in pubblico su argomento a scelta dello studente, della durata di 8 – 10 minuti, preparato a casa. Questa prova ha in prevalenza il valore di rinforzo dell’apprendimento è incide per il 10% sul voto finale.

Prova scritta finale (domande aperte e chiuse) su:

  • programma svolto in aula (appunti personali e slide PDF)
  • testo di Berkun e Sansavini (indicati nella bibliografia di riferimento)

Strumenti di supporto alla didattica
Presentazioni in PowerPoint, video del web, brani scelti di film.
Il docente metterà inoltre a disposizione degli studenti le slide impiegate durante le lezioni.

Ricevimento
Si riceve nelle giornate delle lezioni, su appuntamento da concordare tramite e-mail.