Giulio Taccetti

Dottorato in Studi Storici

Giulio Taccetti

Allievo del dottorato in studi storici

Dottorato in Studi Storici

dss@unirsm.sm

0549 885 487

Sito web non disponibile

Curriculum vitæ non disponibile


Profilo biografico

Giulio Taccetti (1992) è dottorando di Storia contemporanea alla Scuola Superiore di Studi Storici (Università degli studi della Repubblica di San Marino) dove sta portando avanti un progetto di ricerca dal titolo “Le proteste sociali in Italia fra il 1882 e il 1914” (tutor Prof.ssa Ilaria Favretto, Kingston University). 

Si è laureato in Scienze storiche all’Università di Firenze nel 2018 e dal 2015 collabora con l’Istituto Storico toscano della Resistenza e dell’Età contemporanea. 

Ha realizzato due progetti di ricerca (2018 e 2019) che sono stati finanziati dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze.

È membro della redazione della rivista «Passato e presente».

Partecipazioni convegni

ASMI postgraduate Summer school 2019 (Milano)

Titolo del paper: “1898 Riots: Forms, Modes and Methods of protests”

Pubblicazioni

Leo Goretti-Giulio Taccetti, I caduti, la memoria, in Roberto Bianchi (a cura di), La Grande guerra lontano dal fronte. Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa 1914-1918, Pacini, Pisa 2018.

Giulio Taccetti, recensione al volume di Robert Gerwarth, The Vanquished. Why the First World War Failed to End (1917-1923), «Antologia Vieusseux», (2017), n. 67, pp. 134-135

Giulio Taccetti, Una protesta piccola piccola: i disordini per l’imposta sul vino a Barberino Val d’Elsa (1919-20), «ToscanaNovecento portale di Storia contemporanea» (www.toscanonovecento.it).

Traduzioni dall’inglese

(Giulio Taccetti) Pavel Kolář, recensione al volume di Paweł Machcewicz, Muzeum, Znak Horyzont, Kraków 2017, «Passato e presente», 36 (2018), n. 105, pp. 172-174

(Giulio Taccetti) Susannah Eckersley, recensione al volume di Cornelia Eisler, Verwaltete Erinnerung symbolische Politik. Die Heimatsammlungen der deutschen Flüchtlinge, Vertriebene und Aussiedler, «Schriften des Bundesinstituts für Kultur und Geschichte der Deutschen im östlichen Europa», Band 57, De Gruyter, Oldenburg 2015, «Passato e presente», 36 (2018), n. 105, pp. 174-176